PROGRAMMA DI ATTIVITA’ NEL

2013

1. Ricerche scientifiche previste per il 2013

  • Islamic Women Activists in the Arab Spring and beyond: Challenges and Opportunities for External Actors

Project Context:

The overall project benefits and draws from the expertise gained in this specific area of study by the Forum on the Problems of Peace and War. It is meant, in fact, to promote post-conflict stability and development, and to increase conflict management capacity, tools, and intellectual capital worldwide. It pursues this goal by embarking on an endeavour that combines, in a particularly innovative multidisciplinary and cross-national way, theoretical and more applied aspects of research.

In particular, it focuses on a recent event, the Arab Springs that are having an unprecedented international resonance. It adopts a strategic point of view to look at them, namely the gender lens. Women, in fact, religious and non-religious alike, have been at the forefront in the events that have determined the fall of authoritarian regimes in many North African states. They have played, in other words, a crucial role as agents of transformation taking to the streets, demanding political change and campaigning for rights, equality and justice. Despite their different backgrounds women were present in the public sphere not only as participants but also as organizers. In this respect, although the revolutions did not originate from Facebook and Twitter, many women were involved as bloggers, part of a new élite of technological intellectuals. As such, they have put traditional and new social actors in contact and make them interact, while circulating information well beyond the borders of their countries. A mounting rhetoric in Western public and political discourses presents the Islamisation of politics as a threat for democracy and gender equality. In this regard, Islamic women activists appear as an insurmountable contradiction: they have played a crucial role during the uprisings and still represent an important voice that advocates and lobbies for democracy. A crucial question to be addressed, therefore, is whether religious identity is compatible with political identity within democratic settings; and what are the specific outcomes of assuming an Islamic identification in terms of pursuing equality and justice.

Project Personnel:

- Alessia Belli: Field Research in Egypt and Tunisia

- Giulia Daniele: Field Research in Palestine

- Francesco La Pia: Field Research in Morocco

  • Gender and the European Union

Gender discrimination continues to be a reality in several parts of the world. International organization and NGOs alike denounce gender imbalances in terms of education, access to work, type of jobs, lower pay, and so on. Indexes such as the ‘Gender Inequality Index’, the ‘Gender Related Development Index’ portray the image of a world in which a lot still needs to be done to reach gender equality. In the worst cases this turns into gender-based violence, one of the gravest human rights violations.  

The aim of this report is precisely to provide an overview of both EU gender policies and gender balance in EU institutions. This analysis is long due. As a matter of fact, although a huge amount of literature analyses the EU’s institutional framework and EU internal and external policies (e.g. Jørgensen et al 2007; Wallace et al 2010), scarce attention has been paid to its gender dimension. This task seems particularly urgent given the importance of the EU in setting standards of conduct in Europe and beyond.

When trying to assess the concrete ways in which the EU has tackled gender inequalities, fundamental achievements co-exist with structural limits: together, they draw a picture of mixed and even contradictory trends and results (Van Der Vleuten, 2007). Among the achievements, an increased women's participation in the labour market as well as a better representation of women in the political sphere and in decision-making processes. Women's organizations, movements and agencies have been playing a crucial role in lobbying and mainstreaming gender equality with the result that certain issues (like violence against women) have been successfully included in the Union's political agenda. Despite these undoubted results, many are the challenges that still need to be tackled: gender segregation (vertical and horizontal) in the labour market, a high pay gap, women's low presence in the European companies' managing boards, job typologies that penalize women’s security and pension's schemes, are just few examples of open problems. Gender role's patterns that still assign women the almost exclusive responsibility in family care, expose them to a higher risk of poverty and require a stronger action in devising more effective life-work balance policies. Gender inequalities do not concern only the economic, political and social sphere but extend to civil rights as well. The first step to tackle these problems is to know them better and to better explore what has been already done and achieved. This Report is a small but hopefully useful contribution in this direction.

About the Authors:

Simon Duke is a Professor at the European Institute of Public Administration (EIPA), Maastricht, Netherlands.

Sonia Lucarelli is Associate Professor of International Relations of the University of Bologna and Director of Research of the Forum on the Problems of Peace and War in Florence.

Marta Martinelli is Senior Analyst at the Open Society European Policy Institute and Visiting Scholar at the Free University of Brussels (ULB).

Alessandra Viviani is Associate Professor of International Human Rights Law at the University of Siena and Vice Rector for International Relations at the same University.

 


  • Memorie di pietra. Il ricordo delle guerre mondiali nelle lapidi in Toscana

In collaborazione con il Dipartimento di Scienze della comunicazione, Università di Siena

Responsabile di ricerca: Nicola Labanca (Università di Siena / Forum)

III fase, con il contributo della Regione Toscana e Provincia di Lucca


Dopo la prima e proficua fase di studio e catalogazione già affidataci in relazione ai monumenti ai caduti delle aree amministrative della Media Valle del Serchio e della Piana di Lucca, si pone ora come logica conseguenza l’opportunità di completare la ricerca al fine di avere un censimento completo ed esaustivo di tutto il territorio provinciale rispetto ai monumenti e alle lapidi ai caduti delle due guerre mondiali da esso ospitati.

L’elemento centrale di questa fase conclusiva sarà la ricerca e la catalogazione dei monumenti della Versilia. Come per le altre zone, sarà effettuata un’analisi delle fonti bibliografiche e di archivio presenti nelle biblioteche e nei luoghi di conservazione locali, saranno raccolti materiali e informazioni attraverso la rete delle associazioni di reduci e legate alla conservazione della memoria nonché presso gli enti locali, saranno effettuati sopralluoghi sul posto per individuare, fotografare e analizzare ogni singola opera da censire. Tutti i dati raccolti saranno riversati in una “base dati” costituita da un file excel (strumento essenziale, una volta assemblati i dati complessivi e potendo filtrare gli stessi dati a seconda di criteri di volta in volta diversi, per poter avere un quadro su elementi utili da una complessa e approfondita analisi del fenomeno, come la distribuzione e diversificazione delle tipologie di opere, la provenienza e diffusione degli autori, l’evoluzione delle forme e delle “ondate monumentali” nel tempo, la maggiore o minore concentrazione geografica o temporale). Oltre a questo con i dati a disposizione si creeranno le “schede ministeriali” attraverso il programma ArtIn, utilizzato delle Soprintendenze ai Beni Artistici del territorio nazionale.

La seconda fase consisterà nel riversamento su file excel e sulle schede del programma ArtIn del materiale (testo, bibliografia e fotografie) già raccolto in una fase di ricerca in relazione alla Garfagnana ma ad oggi non ancora disponibili su alcun catalogo o fonte consultabile dal pubblico.

Poiché la finalità del lavoro complessivo di ricerca che così si completerebbe è fondamentalmente quella dell’accessibilità delle informazioni e dei materiali raccolti, la terza fase del lavoro sarà dedicata alla preparazione del materiale raccolto affinché sia consultabile dai cittadini. Per questo si prospettano due forme di catalogo: da un lato, pensando ad un pubblico più generale che vuole farsi una prima informazione dei temi o delle opere in questione, verranno preparate le schede catalografiche delle opere ritenute più significative e rappresentative affinché vengano inserite nel catalogo online già allestito sul sito della Provincia di Lucca nel quale sono stata già riversate le primissime schede relative alla Garfagnana (www.luccaterre.it nella sezione Memoria); dall’altro lato, per chi vuole approfondire o per gli studiosi, verrà allestito un vero e proprio catalogo completo di tutte le opere della Provincia interamente consultabile (sia per i dati e i testi sia per l’apparato fotografico) presso le biblioteche o gli istituti che vorranno ospitarlo.

Per completare la parte di comunicazione al pubblico e per corredare i due cataloghi con un materiale che sia una “guida alla consultazione” ed anche una fonte di approfondimento e di analisi delle opere e dei temi studiati, saranno composti due saggi: l'uno che serva come breve presentazione al catalogo delle opere e che tratteggi in modo sintetico caratteri, dati ed evoluzione del fenomeno monumentale analizzato; l’altro che compaia a sé e che sarà rivolto al "pubblico" degli studiosi o di chi vuole approfondire, riportando un'analisi piuttosto approfondita su quadro storico e artistico, dati quantitativi, evoluzione, distribuzione e casistiche particolari delle due ondate monumentali nella provincia di Lucca.



  • Dall'esclusione alla cittadinanza. Minori di origine straniera come soggetti di innovazione sociale e di transizione verso la democrazia plurale

In collaborazione con:

Istituto degli Innocenti

Dipartimento di Scienze dell'educazione e dei processi culturali e formativi, Università di Firenze

Dipartimento di Filosofia, Università di Firenze


1. Oggetto specifico del progetto di ricerca: minori di origine straniera, declinati, secondo le diverse tipologie e definizioni normative con cui sono presenti nella società italiana, lungo una linea decrescente di reale o presunta "integrazione": minori oggetto di adozione internazionale, minori nati in Italia da genitori stranieri, minori ricongiunti a famiglie straniere, minori stranieri non accompagnati in affidamento temporaneo.


2. Obiettivi del processo di ricerca sono sinteticamente quelli di analizzare, ricostruire e interpretare le forme di appartenenza, estraneità, conflittualità e integrazione di queste diverse tipologie di soggetti, sia in quanto autopercepite, sia in quanto misurabili attraverso la valutazione e il riconoscimento esterno (da parte di coetanei e adulti). Per realizzare tali obiettivi la ricerca si svolgerà in alcuni ambiti specifici: la scuola (percorsi scolastici, successi, ritardi, forme di segregazione ed emarginazione), il quartiere (luoghi di aggregazione, formazione di bande, attività culturali, associative, sportive) le comunità culturali di appartenenza (vita familiare, partecipazione alle tradizioni, alle manifestazioni religiose, alle relazioni comunitarie). Ma la finalità fondamentale del progetto è quella di dare voce a questi soggetti “in transizione” per individuare gli elementi di dissonanza, inadeguatezza e chiusura che la loro presenza rivela nella società di accoglienza (diritti di cittadinanza, sistema di welfare, politiche locali, scuola, mercato del lavoro, vita urbana); ma anche, e soprattutto, per indagare ed evidenziare le possibilità di innovazione culturale, sociale, etica e politica, che le loro identità multiple e “contaminate” possono provocare, sia nelle comunità e nelle famiglie di appartenenza, che nelle stesse organizzazioni e istituzioni della società italiana in cui sono sempre più presenti, e conseguentemente nelle politiche locali di accoglienza, scolarizzazione, integrazione culturale e coesione sociale. Una particolare attenzione, inoltre, sarà dedicata alle forme di conflittualità, palese e/o sommersa, sia di carattere orizzontale (con i coetanei autoctoni, di altre culture, di sesso diverso) sia di carattere verticale (con insegnanti, educatori, operatori sociali e affidatari, membri e figure autoritarie della comunità di appartenenza) sia infine di carattere intergenerazionale (con i genitori naturali o adottivi).


3. La metodologia della ricerca, dopo una ricostruzione anche quantitativa delle presenze e dei fenomeni indicatori di integrazione e/o esclusione, sarà di tipo prevalentemente qualitativo, con ricostruzione di storie di vita, interviste in profondità, account orali e scritti, focus group, osservazione partecipante. Una attenzione speciale, lungo tutto il percorso di ricerca, sarà riservata alla variabile di genere, per identificare eventuali differenze nelle forme di autopercezione identitaria, ma anche di percezione, immaginazione e innovazione delle dinamiche relazionali, sia di tipo “orizzontale” che verticale”.

4. L’ambito territoriale della ricerca sarà esteso all’intera regione per quanto riguarda le due tipologie di minori di origine straniera meno numerose (minori adottati e minori non accompagnati) e limitata alle aree comunali di Firenze e di Prato per i ragazzi di seconda generazione e per quelli arrivati per ricongiungimento familiare.

5. Il quadro di riferimento teorico del progetto di ricerca sarà costantemente presente attraverso la ricostruzione e l’analisi di alcuni concetti fondamentali che ne costituiscono la cornice: paura, vulnerabilità e solitudine nella società globale; rapporto con l’alterità in contesti multiculturali; ricerca di autenticità del soggetto e segregazione culturale; appartenenza, estraneità e coesione sociale; diritti di cittadinanza fra retorica dell’uguaglianza e riconoscimento della diversità; dal conflitto sociale all’apatia e all’autoesclusione; la pluralità delle appartenenze come elemento di innovazione e di progettazione di nuove forme di con-cittadinanza.

6. Il particolare carattere interdisciplinare della ricerca: politologico, sociologico, filosofico-sociale, sarà rappresentato dai profili richiesti per gli assegnisti che verranno selezionati, ma dovrà essere concretamente realizzato nel percorso comune, attraverso un continuo confronto dei diversi apporti specifici sia nello svolgimento del lavoro sul campo sia nella costruzione di concetti, di indicatori, di di indicatori, di valutazioni e interpretazioni dei risultati via via raggiunti.

7. I risultati attesi attraverso l’intero processo di ricerca sono relativi ad una conoscenza più specifica, profonda e partecipata di un fenomeno, quello della crescente presenza a vario titolo di minori stranieri nelle istituzioni, organizzazioni, aggregazioni sociali, strutture di welfare, e nella vita quotidiana della società nazionale e regionale, estremamente rilevante per la stessa sopravvivenza civile, etica e politica di tali strutture, oltre che costantemente presente nelle linee di interesse e di intervento della stessa Regione Toscana. Contemporaneamente il progetto, raccogliendo in modo sistematico e metodologicamente rigoroso, , le voci dirette e le esperienze concrete dei soggetti coinvolti, avrà il risultato di individuare e proporre il contributo di innovazione che la loro particolare condizione di “soggetti in transizione” potrebbe portare al rinnovamento delle politiche locali di scolarizzazione, coesione sociale, condivisione democratica e con-cittadinanza.

Dal punto di vista della formazione di giovani studiosi, il progetto fornisce loro la possibilità di approfondire tematiche di notevole rilievo scientifico nel dibattito nazionale e internazionale, inserendoli in una rete articolata e strutturata di centri di ricerca, enti pubblici e privati; ma anche di lavorare in modo riflessivo, creativo e innovativo su problemi fortemente presenti nel corpo vivo della società e conseguentemente nelle politiche nazionali e regionali; infine di dedicare un biennio di studio e di autoformazione a contenuti particolarmente motivanti sul piano culturale, sociale ed etico.


2. Formazione


2.1 Corso di geopolitica

XIV Corso di Geopolitica, 2013

 

Circolo “Vie Nuove” – Firenze

In collaborazione con il Forum per i Problemi della Pace e della Guerra

Corso di Geopolitica – XIV edizione 2013

7 febbraio – 25 marzo 2013


Cina, segreti e limiti di una potenza globale


Il nuovo gruppo dirigente che si è insediato dopo il Congresso del Partito comunista alla fine del 2012 è destinato ad accompagnare la Cina verso il primato assoluto. È arrivata al potere la prima generazione che non ha fatto la rivoluzione. La formula per la successione nella continuità, costruita con un occhio a Marx e uno a Confucio, sembrava perfetta, ma dietro ai rituali fin troppo stanchi sono emerse disfunzioni di persone e di sistema. Le scadenze della politica potrebbero essere costrette a tenere il passo con lo sviluppo dell’economia e le trasformazioni accelerate della società. Secondo Sergio Romano, la Cina è già adesso una sorta di mostro mitologico con una testa comunista e un ventre capitalista. C’è chi teme e c’è chi auspica un Gorbaciov cinese. La minaccia non viene più solo da Internet o dal Dalai Lama. La Cina ha grandi responsabilità sul piano internazionale e, oltre i Brics e il G20, si va verso un faccia a faccia con gli Stati Uniti del secondo mandato di Barack Obama.



Giovedì 7 febbraio 2013

Il mondo, la Cina e noi

Tavola rotonda con Lapo Pistelli (responsabile politica estera del Partito democratico) e Silvio Beretta (Università di Pavia)

Roberto Iadicicco / Alessandra Spalletta (AGI China 24)

coordina Gian Paolo Calchi Novati (Università di Pavia / Roma La Sapienza)


La Cina ci preoccupa quando cresce troppo e ci preoccupa quando i suoi ritmi di sviluppo sembrano incepparsi influendo sull’export-import. I rapporti con una Cina sempre più vicina appartengono alla politica estera, alla diplomazia, ma per altri aspetti riguardano la politica interna e la vita stessa di noi italiani, dell’Europa e dei paesi di tutte le latitudini. Una politica estera dell’Unione europea potrebbe diluire l’emergere, che pare inevitabile, di un G2 come governo del mondo?


(Tavola rotonda ad ingresso libero)


Lunedì 11 febbraio 2013

Il Partito comunista e il socialismo di mercato

Marco Del Corona (Corriere della Sera)


Dopo le grandi personalità di Mao, Zhou Enlai e Deng Xiaoping, la classe dirigente cinese ha perso un po’ del suo impatto personalistico, almeno nella percezione dell’opinione pubblica mondiale. Resta ben presente in compenso la funzione del Partito comunista. Le dispute fra Mosca e Pechino hanno perso di attualità eppure non si può non pensare all’“ideologia” quando si confrontano la prassi del potere e le scelte dell’economia, immerse nelle logiche dei consumi e dell’individualismo. La Cina è comunista o capitalista?



Lunedì 18 febbraio 2013

Dietro ai grandi numeri le persone, le età, i generi, le città e le campagne

Michelangelo Cocco (il Manifesto)


Si fa presto a dire un miliardo e mezzo di donne e uomini. I cinesi non sono tutti uguali. Non erano uguali nemmeno quando i più indossavano la giacchetta blu e il berretto alla Mao. Tanto meno sono uguali oggi. La diversità riguarda le generazioni, l’habitat, gli stili di vita. Capire i tanti volti anche contraddittori della società cinese guardando in faccia i cinesi di tutti i giorni.



Martedì 26 febbraio 2013

Un protagonista della finanza internazionale,

fattore di stabilità o di squilibrio?

Franco Bruni (Università Bocconi, Milano e Ispi)


Il controverso rapporto fra yuan renminbi e dollaro (o euro). È solo un aspetto del modo in cui la Cina partecipa al big game dell’economia mondiale. La Cina possiede una bella fetta del debito estero degli Stati Uniti. La Cina influisce pesantemente sul volume degli scambi e degli affari. La Cina fa incetta di energia e altre risorse primarie in Africa. Ma la Cina è dentro o fuori quel poco o tanto di disciplina o autodisciplina che regola il “mercato”?



Lunedì 4 marzo 2013

Rivali o gemelli. Le incognite del confronto con gli Stati Uniti

Federico Romero (Istituto Universitario Europeo, Fiesole)


Gli analisti non hanno dubbi. Gli Stati Uniti guardano all’Asia e hanno messo in secondo piano l’Europa, il Pacifico viene prima dell’Atlantico e tanto più del Mediterraneo. Tutte le strategie sono orientate a preparare il confronto-scontro a due fra Cina e America. La presenza della Cina è visibile ovunque e non si sa fin quando Pechino rispetterà la consegna del “profilo basso” finché non siano in gioco interessi vitali.






Lunedì 11 marzo 2013

Il Risiko terra-mare dell’Asia orientale: rotte, basi e risorse

Simone Dossi (Torino World Affairs Institute)


Sono ricorrenti le crisi o crisette nello spazio che unisce o divide la Cina, il Giappone, la Corea e l’Asia del Sud-Est. Le poste sono isole i cui nomi saranno anche poco conosciuti ma la cui posizione è cruciale per il controllo delle risorse, delle rotte internazionali e degli scali. La contraddizione fra l’intensificarsi delle relazioni economiche della Cina con l’Asean, l’organizzazione degli Stati dell’Asia sud-orientale, e d’altra parte le tensioni che oppongono Pechino in particolare alle Filippine e al Vietnam. Intanto, le elezioni del dicembre 2012 hanno portato al governo in Giappone un personaggio e un partito che fanno della sfida con la Cina uno dei temi prioritari. Ultimo paradosso, Taiwan si schiera con Pechino in nome dell’intangibilità della Grande Cina.


Lunedì 18 marzo 2013

Le Chinatown fra folclore e politica

Daniele Cologna (Università dell’Insubria, Como)


Siamo abituati a vedere nei quartieri cinesi delle metropoli europee e americane un’occasione turistica. In effetti, la rete delle diaspore cinesi è un avamposto della politica della Cina nella sua dimensione più vasta e complessa. Le comunità cinesi in Asia orientale hanno sicuramente stimolato lo sviluppo della Repubblica popolare con i loro capitali e le loro esperienze. I cinesi sono parte anche, con mansioni e professioni lecite o illecite, del più recente fenomeno dell’emigrazione Sud-Nord. Quanti sono i cinesi in Italia? Si parla spesso dei cinesi di Firenze-Prato, di Milano, di Piazza Vittorio a Roma. Pregiudizi, luoghi comuni e ricerca sociologica.



Lunedì 25 marzo 2013

Dissidenti e minoranze, mine vaganti per il sistema

Alessandra Cappelletti (Università l’Orientale, Napoli)


Democrazia e diritti umani in Cina sono un argomento ricorrente nel mondo, e non solo ai fini di una facile polemica. Il buon funzionamento del sistema dipende dall’osservanza di esigenze che emergono dalla stessa società cinese. Nelle campagne, nelle industrie e nelle miniere contadini e operai si battono per migliorare le condizioni di lavoro. La dissidenza si esprime nella letteratura, nell’arte, via Internet. Grande eco hanno in particolare le rivendicazioni delle minoranze e le relative repressioni. I buddhisti del Tibet o i musulmani uyghur del Xinjiang possono apparire trascurabili in termini numerici ma occupano territori immensi in zone di primissima importanza dal punto di vista strategico. I diritti delle persone e delle comunità, così come la difesa dell’ambiente e delle tradizioni, sono comunque valori in sé e come tali vanno trattati.




3. Convegni e divulgazione scientifica


3.1. Seminari e workshop



Workshop

Autumn 2013

  • Mediterranean conversation: Arab women as agent of democratisation in the arab springs beyond


Project Context:

The workshop will address the question whether religious identity is compatible with political identity within democratic settings, and what the specific outcomes of assuming an Islamic identification in terms of pursuing equality and justice are. External actors are faced with two seemingly conflicting aspects that characterize North African and Middle Eastern societies: on the one hand, the importance of including and empowering marginalized actors, first and foremost women, as a condicio sine qua non to substantiate democracy; on the other hand, the need to prevent and contain any form of religious radicalism that would impinge on equality and justice. In order to investigate all these seemingly contradicting aspects thi workshop aims at providing a space for the very voices of those women who have participated in the events that have brought about a profound change in the socio-political settings of the Mediterranean?

Each day will be organised into a morning and an afternoon session. Mornings are characterised by a theoretical approach with an opening, keynote lecture and a series of papers presented by young researchers. This part will be followed by a round table where the topic of the day is challenged and discussed by other scholars, journalists and activists. Afternoons are more field oriented: women activists will debate and share obstacles, difficulties and opportunities arising directly from their experiences, within thematic workshops and simulations. Beyond the activities that will take place during the three sessions, the workshop aims at encouraging and supporting the creation of a strong network among women’s organizations. For this purpose, the last day will be entirely devoted to discuss future actions and plans.


Objectives:

- Providing a space for dialogue, mutual learning, and sharing of best practices among scholars and activists.

- Analysing the relationship between women and social media. Trying to understand how women use the net and whether it can sustain processes of democratisation and socio-cultural transformation. In this respect, the experiences of Italian and North African women will be confronted, thus offering a space of mutual understanding and sharing.

- Analysing the role of civil society in the democratic transformations commonly defined as Arab Springs, and the specific place of women and women’s networks within it.

- Investigating, through the experiences of women activists, the relationship between political and religious identity on the one hand, and the processes of democratization on the other both in the post Arab-Springs scenarios and within European settings.

  1. - Giving activists the chance to discuss limits and potentialities of the International Community as an external actor that could have an important role in sustaining the democratization processes in the Southern coast of the Mediterranean.

First day

Panel: civil society, democratisation, women

Morning: lectio magistralis:

Proposed names: Heba Rauf Ezzat, Cairo University

Round table: 1 scholar (Michael Schultz, Institute for Global Studies, Unviersity of gotenburg, Sweden), 1 journalist (Paola Caridi or Mona El Tahawi), papers selected through call.

Afternoon:

Proposed names: Benoit Challand (New School for Social Research, NY), Muriel Asseburg (SWP, Berlin)

Women activists to present their activities, issues, lessons learned: work in groups.

Present the result of their conversations,

Afternoon speaker will react to the group reports.

Coordinator: Debora Spini, Forum on the Problems of Peace and War

Second day:

Panel: Women between Political and Religious Identity

Morning:

Lectio Magistralis, proposed names= Haleh Afshar OBE (Politics and Women's Studies University of York, Crossbench Peer in the House of Lords) Maleiha Malik (Professor of Law, KCL) + 3/4 PhD, PostDoc or young researchers

Round Table= 1 Scholar (Anna Vanzan, Università di Milano); 1 journalist (Rula Jebral)

Afternoon:

Women activists to present their activities, issues, lessons learned: work in groups.

Present the result of their conversations,

Afternoon speaker will react to the group reports.

Proposed names: Sumaya Abdel Khader (writer, journalist, activist of Jordanian origin); Shaista Gohir ('Global Campaign Strategist' at the internationally renowned charity. Former Executive Director of Muslim Women's Network UK);

Coordinator: Alessia Belli (Sant’Anna School of Advanced Studies)

Third day:

Panel: Social Media, Women and Democracies

Morning: lectio magistralis:

Proposed names: Augusto Valeriani (professor of Mass media, conflicts and International politics at the faculty ‘Roberto Ruffilli’ of Political Science of the University of Bologna; or Elisa Giomi (researcher and associate professor in the department of communication at the University of Siena, member of the scientific international review “AG About Gender- Rivista Internazionale di Studi di Genere”; editor of the blog “Generattive” and member of the group “Presenti Differenti” in the University of Siena, http://generattive.wordpress.com/about/elisa-giomi/)

Papers selected through call.

II scholar. Proposed names: Augusto Valeriani or Elisa Giomi or Andrea Calderaro (Researcher at the Center for Media Pluralism and Media Freedom-European University Institute http://www.eui.eu/Personal/Researchers/calderaro/Sito/Home.html)

Journalists: Serena Danna, Corriere della Sera, or Lucia Goracci or Mona ElTahawi, Egiptian journalist and feminist, she has told the Egyptian Spring and was arrested and harassed by the Police: her website http://www.monaeltahawy.com/blog/

Afternoon:

Coordinators of the workshop: Lucia Goracci or 1 activist

Participants: morning’s participants + guests + groups of activists coming from Tuscany

Proposed names:

- 1 Italian activist from the blog http://femminismo-a-sud.noblogs.org/

- Giorgia Vezzoli: “Vita da streghe”: http://vitadastreghe.blogspot.it/

- 1 blogger from the laboratory “Sguardi sui generis”: http://sguardisuigeneris.blogspot.it/

North African activists:

- Leena Ben Mhenni, Tunisian, author of the book “Tunisian girl, la rivoluzione vista da un blog” and editor of the blog “A Tunisian girl”: http://atunisiangirl.blogspot.it/

- Asma Heidi Nairi, Tunisian blogger. http://www.youtube.com/watch?v=IEi3Nc9b33M


3.2 Cicli di conferenze


  • Superare la crisi. Tre incontri per orientarsi nel mondo che verrà


1. La crisi politica internazionale: fratture, discontinuità e continuità

Marzo 2013 – Mario Buggeri

Negli ultimi venti anni lo scenario internazionale è profondamente mutato, gli schemi interpretativi e le regole di comportamento validi fino almeno al 1989 non sono più gli stessi. La fine del mondo bipolare ha ridimensionato il ruolo delle cosiddette superpotenze favorendo la crescita di nuovi attori. Fra questi, l’Unione Europea sta acquistando importanza, e il superamento della crisi dell’Euro ne è uno degli strumenti.


2. Crisi economica e finanziaria

Aprile 2013 – Andrea Ventura

La percezione dei mutamenti in corso si è avuta in modo evidente quando il mondo della finanza è entrato in una spirale negativa dalla quale non siamo ancora usciti. La crisi finanziaria a livello globale si è poi riflessa sulla realtà economica di molti paesi rendendo ancora più palese la necessità di un ripensamento delle relazioni economiche internazionali.


3. La crisi come opportunità

Maggio 2013 – Andrea Bigalli

Tutte le fasi di transizione contengono al loro interno anche elementi di apertura e rinnovamento che possono consentire di “sfruttare” quelle fasi come opportunità da cogliere per giungere alla realizzazione di obiettivi “alti” nel senso di maggiormente rispettosi della natura umana e della sua ineludibile “missione” nella storia, ovvero la creazione di sistemi sociali solidali tendenti alla promozione della felicità.



  • Sterminio e stermini

Un ciclo di conferenze per le scuole secondarie superiori

Iniziative regionali per il Giorno della Memoria 2013


Il Forum per i problemi della pace e della guerra di Firenze svolge da anni, in connessione con la propria attività di ricerca, anche un’attività di alta formazione e di divulgazione (Corsi di formazione e divulgazione in collaborazione con diverse amministrazioni locali della provincia di Firenze).

Nel quadro di tali attività di formazione e divulgazione, il Forum di Firenze, in collaborazione con la Direzione Generale Politiche Formative, Beni e Attività culturali della Regione Toscana, organizza un ciclo

di quattordici conferenze, rivolto a studenti e insegnanti delle scuole secondarie superiori, che si inserirà nel programma delle iniziative regionali relative alle celebrazioni del Giorno della Memoria nel 2013.


Organizzazione

L’organizzazione del ciclo di conferenze è a cura del Forum per i problemi della pace e della guerra in collaborazione con la Regione Toscana. Partecipano all’organizzazione anche le Province di Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa, Pisa, Pistoia, Prato e Siena.


Tema e finalità del corso

Il Giorno della Memoria, istituto dal Parlamento italiano con la legge 211/2000, intende commemorare la persecuzione e lo sterminio nei lager nazisti delle comunità ebraiche italiane, nonché dei deportati militari e politici italiani. Indubbiamente la Shoah ha rappresentato un fenomeno inquietantemente unico nella storia umana. Tuttavia, il ricordo dell’unicità di quello sterminio può essere un’occasione preziosa anche per attualizzare la discussione sul problema “sterminio” e porre interrogativi sulla natura e le cause del fenomeno dello sterminismo nel mondo contemporaneo.

In particolare, il presente ciclo di conferenze intende promuovere una riflessione sul rapporto tra le guerre e i fenomeni di sterminio in relazione ai conflitti contemporanei. Muovendo da prospettive disciplinari diverse (il diritto internazionale, la storia contemporanea, la scienza e la filosofia politica, la riflessione etica), nel corso degli incontri si cercherà dunque di analizzare la possibilità di considerare alcuni conflitti dell’età post-bipolare come esempi di nuove guerre di sterminio.

Quali sono i confini, talora preoccupatamente labili, fra “guerra moderna” e “guerra di sterminio”? La pulizia etnica di un territorio; le sofferenze e la fame patite da una popolazione durante un embargo; l’utilizzo di armi tecnologicamente avanzate, in grado di procurare danni gravissimi e malattie anche ai non combattenti, sia durante il conflitto che dopo la sua conclusione; il disinteresse dell’Occidente verso i “conflitti dimenticati” nel Sud del mondo: questi ed altri eventi, che cosa hanno in comune con la definizione di “guerra di sterminio” utilizzata per la condotta del regime nazista nel corso della Seconda Guerra Mondiale? Che cosa ci insegna il caso dello sterminio del popolo ebraico al fine di comprendere le cause e le dinamiche di altri casi di sterminio del mondo contemporaneo?


Formato

Il ciclo di conferenze sarà articolato in 14 incontri a cadenza settimanale, da tenersi in orario mattutino presso le scuole superiori delle province sopraelencate (non necessariamente nello stesso giorno della settimana). Ciascuna conferenza, al di là dello specifico tema, è pensata come un modulo formativo del tutto autonomo dagli altri incontri del ciclo.

Ogni incontro avrà la durata di circa due ore; il tema oggetto della conferenza sarà introdotto dall’intervento di un relatore (lezione frontale di circa 45 minuti), mentre la seconda parte dell’incontro sarà dedicata alla discussione con il pubblico. Gli interventi dei relatori saranno poi raccolti, alla fine dell’intero ciclo di conferenze, in una piccola dispensa, pensata appositamente come materiale didattico integrativo per studenti e professori.



  • Le lezioni di Firenze sul razzismo

Evento multimediale, Ciclo di lezioni magistrali, libro, DVD per le scuole e le associazioni, sito web


Attaccata nel suo sentire democratico, la città di Firenze reagisce fra l’altro con una risposta al più alto livello culturale intesa a rimanere nel tempo. Il Comune di Firenze promuove un ciclo di otto lezioni magistrali di altissimo valore scientifico e culturale, tese a promuovere una cultura di pace e d’integrazione.

I più importanti rappresentanti delle maggiori discipline interessate agli studi e alla storia sul razzismo intervengono nel Salone dei Cinquecento / nel cinema Odeon, a disposizione delle scuole e della cittadinanza, per otto mattinate. Le loro lezioni sono filmate e registrate, messe a disposizione in DVD per le scuole e le associazioni, caricate sul sito web del Comune, stampate in un libro con un’importante casa editrice nazionale.

Le magistrali Lezioni di Firenze sul razzismo rappresentano un evento culturale, da far risaltare sui media locali e nazionali, per far rimanere il nome di Firenze collegato all’integrazione, alla pace, al rifiuto del conflitto razziale.

Possono essere pensate manifestazioni collaterali (proiezioni gratuite di film ecc.)

In collaborazione con il Forum per i problemi della pace e della guerra.


Prima lezione. La genetica

Luigi Luca Cavalli Sforza (/Guido Barbujanni), Non esiste una base biologica per il razzismo


Seconda lezione. La demografia

Massimo Livi Bacci, L’umanità è fatta di intrecci migratori


Terza lezione. La storia del fascismo e del nazismo

Enzo Collotti, L’eredità odierna del fascismo internazionale


Quarta lezione. Le spiritualità

*, Le religioni contro il razzismo


Sesta lezione. L’economia

Marcello De Cecco, I tempi di crisi economica come incubatori del razzismo


Settima lezione. La storia del colonialismo

Nicola Labanca, Il peso di secoli di colonialismo europeo sulla realtà postcoloniale


Ottava lezione. Conclusione

Tahar Ben Jelloun, La lotta al razzismo spiegata ai nostri figli




4. Pubblicazioni


4.1. Quaderni Forum


Per l'anno 2013 è prevista la pubblicazione di tre Quaderni Forum.



4.2. Libri


Sono previste le consuete attività di ricerca all'interno del nostro istituto, che si concluderanno con la pubblicazioni di volumi e di testi volti alla divulgazione delle considerazioni sviluppate.


Nel 2013 è prevista la pubblicazione di


  • Atti del convegno internazionale “Colonial Camps in the History of Concentration Camps” - Siena 20-21 ottobre 2008; a cura di Nicola Labanca


5. Centro di documentazione


Il Centro di documentazione continua e consolida la propria attività:

  • Continuando ad arricchire il proprio patrimonio di libri, riviste e materiale grigio;

  • riorganizzando gli spazi degli ambienti e del materiale su scaffali aperti per favorire il lavoro dei ricercatori;

  • continuando la catalogazione della letteratura grigia (working papers, newsletters ecc.);

  • continuando e approfondendo la collaborazione con altre associazioni culturali fiorentine che sono ubicate nello stesso immobile, al fine di coordinare la politica di incremento delle rispettive biblioteche ed emeroteche;

  • promovendo il CdiD tra le scuole secondarie superiori e le università.



6. Altre informazioni


Attività in collaborazione con altri Enti: Facoltà e Dipartimenti universitari italiani e esteri, Istituto Universitario Europeo, Circolo culturale "Vie Nuove", Quartiere n. 3 (Firenze), Comune di Firenze ed altri comuni della Provincia di Firenze, Europedirect, Istituto Stensen, University of Syracuse in Florence


Risorse:


I soci Forum svolgono attività di ricerca dell'Associazione. Tirocini per giovani di diversa provenienza (Syracuse University, Università di Roma Tre, Facoltà di Scienze politiche – Firenze; Università di Pisa; Università di Siena), borse di studio, collaborazioni temporanee per ricerca soprattutto con neo-laureati

Il sito Internet: www.onlineforum.it


 

 

To be honest, the EU has devoted attention to gender issues since the beginning (Kantola, 2010), an example of this being the Treaty of Rome's clause on equal pay between men and women. The initial EU’s approach was one focusing attention on equal opportunities and anti-discrimination, mainly concerned with women's employment rights. This approach has gradually shifted towards the crosscut principle of ‘gender mainstreaming’. The principle involves ensuring that gender perspectives and attention to the goal of gender equality are central to all activities. Such a principle has been mainly applied to evaluate policies, but its implications are much larger. As a matter of fact, the EU has an impact on gender issue not only through its purposeful adoption of gender anti-discrimination policies (both within the EU and in its foreign policy), but also promoting legislation and debates that have a gendered and gendering character and therefore produce 'acceptable' understandings of feminization and masculinization. At the same time, legislation and discourses on gender at the subnational, national and transnational level have a relevant impact on gender policies at the EU level. 

 

 

When trying to assess the concrete ways in which the EU has tackled gender inequalities, fundamental achievements co-exist with structural limits: together, they draw a picture of mixed and even contradictory trends and results (Van Der Vleuten, 2007). Among the achievements, an increased women's participation in the labour market as well as a better representation of women in the political sphere and in decision-making processes. Women's organizations, movements and agencies have been playing a crucial role in lobbying and mainstreaming gender equality with the result that certain issues (like violence against women) have been successfully included in the Union's political agenda. Despite these undoubted results, many are the challenges that still need to be tackled: gender segregation (vertical and horizontal) in the labour market, a high pay gap, women's low presence in the European companies' managing boards, job typologies that penalize women’s security and pension's schemes, are just few examples of open problems. Gender role's patterns that still assign women the almost exclusive responsibility in family care, expose them to a higher risk of poverty and require a stronger action in devising more effective life-work balance policies. Gender inequalities do not concern only the economic, political and social sphere but extend to civil rights as well. The first step to tackle these problems is to know them better and to better explore what has been already done and achieved. This Report is a small but hopefully useful contribution in this direction.

 

 

About the Authors

Simon Duke is a Professor at the European Institute of Public Administration (EIPA), Maastricht, Netherlands.

Sonia Lucarelli is Associate Professor of International Relations of the University of Bologna and Director of Research of the Forum on the Problems of Peace and War in Florence.

Marta Martinelli is Senior Analyst at the Open Society European Policy Institute and Visiting Scholar at the Free University of Brussels (ULB).

Alessandra Viviani is Associate Professor of International Human Rights Law at the University of Siena and Vice Rector for International Relations at the same University.


 

Simon Duke is a Professor at the European Institute of Public Administration (EIPA), Maastricht, Netherlands.

Sonia Lucarelli is Associate Professor of International Relations of the University of Bologna and Director of Research of the Forum on the Problems of Peace and War in Florence.

Marta Martinelli is Senior Analyst at the Open Society European Policy Institute and Visiting Scholar at the Free University of Brussels (ULB).

Alessandra Viviani is Associate Professor of International Human Rights Law at the University of Siena and Vice Rector for International Relations at the same University.


 

The aim of this report is precisely to provide an overview of both EU gender policies and gender balance in EU institutions. This analysis is long due. As a matter of fact, although a huge amount of literature analyses the EU’s institutional framework and EU internal and external policies (e.g. Jørgensen et al 2007; Wallace et al 2010), scarce attention has been paid to its gender dimension. This task seems particularly urgent given the importance of the EU in setting standards of conduct in Europe and beyond.

When trying to assess the concrete ways in which the EU has tackled gender inequalities, fundamental achievements co-exist with structural limits: together, they draw a picture of mixed and even contradictory trends and results (Van Der Vleuten, 2007). Among the achievements, an increased women's participation in the labour market as well as a better representation of women in the political sphere and in decision-making processes. Women's organizations, movements and agencies have been playing a crucial role in lobbying and mainstreaming gender equality with the result that certain issues (like violence against women) have been successfully included in the Union's political agenda. Despite these undoubted results, many are the challenges that still need to be tackled: gender segregation (vertical and horizontal) in the labour market, a high pay gap, women's low presence in the European companies' managing boards, job typologies that penalize women’s security and pension's schemes, are just few examples of open problems. Gender role's patterns that still assign women the almost exclusive responsibility in family care, expose them to a higher risk of poverty and require a stronger action in devising more effective life-work balance policies. Gender inequalities do not concern only the economic, political and social sphere but extend to civil rights as well. The first step to tackle these problems is to know them better and to better explore what has been already done and achieved. This Report is a small but hopefully useful contribution in this direction.

 

The aim of this report is precisely to provide an overview of both EU gender policies and gender balance in EU institutions. This analysis is long due. As a matter of fact, although a huge amount of literature analyses the EU’s institutional framework and EU internal and external policies (e.g. Jørgensen et al 2007; Wallace et al 2010), scarce attention has been paid to its gender dimension. This task seems particularly urgent given the importance of the EU in setting standards of conduct in Europe and beyond.

When trying to assess the concrete ways in which the EU has tackled gender inequalities, fundamental achievements co-exist with structural limits: together, they draw a picture of mixed and even contradictory trends and results (Van Der Vleuten, 2007). Among the achievements, an increased women's participation in the labour market as well as a better representation of women in the political sphere and in decision-making processes. Women's organizations, movements and agencies have been playing a crucial role in lobbying and mainstreaming gender equality with the result that certain issues (like violence against women) have been successfully included in the Union's political agenda. Despite these undoubted results, many are the challenges that still need to be tackled: gender segregation (vertical and horizontal) in the labour market, a high pay gap, women's low presence in the European companies' managing boards, job typologies that penalize women’s security and pension's schemes, are just few examples of open problems. Gender role's patterns that still assign women the almost exclusive responsibility in family care, expose them to a higher risk of poverty and require a stronger action in devising more effective life-work balance policies. Gender inequalities do not concern only the economic, political and social sphere but extend to civil rights as well. The first step to tackle these problems is to know them better and to better explore what has been already done and achieved. This Report is a small but hopefully useful contribution in this direction.

About the Authors:

Simon Duke is a Professor at the European Institute of Public Administration (EIPA), Maastricht, Netherlands.

Sonia Lucarelli is Associate Professor of International Relations of the University of Bologna and Director of Research of the Forum on the Problems of Peace and War in Florence.

Marta Martinelli is Senior Analyst at the Open Society European Policy Institute and Visiting Scholar at the Free University of Brussels (ULB).

Alessandra Viviani is Associate Professor of International Human Rights Law at the University of Siena and Vice Rector for International Relations at the same University.


 

 

The aim of this report is precisely to provide an overview of both EU gender policies and gender balance in EU institutions. This analysis is long due. As a matter of fact, although a huge amount of literature analyses the EU’s institutional framework and EU internal and external policies (e.g. Jørgensen et al 2007; Wallace et al 2010), scarce attention has been paid to its gender dimension. This task seems particularly urgent given the importance of the EU in setting standards of conduct in Europe and beyond.

When trying to assess the concrete ways in which the EU has tackled gender inequalities, fundamental achievements co-exist with structural limits: together, they draw a picture of mixed and even contradictory trends and results (Van Der Vleuten, 2007). Among the achievements, an increased women's participation in the labour market as well as a better representation of women in the political sphere and in decision-making processes. Women's organizations, movements and agencies have been playing a crucial role in lobbying and mainstreaming gender equality with the result that certain issues (like violence against women) have been successfully included in the Union's political agenda. Despite these undoubted results, many are the challenges that still need to be tackled: gender segregation (vertical and horizontal) in the labour market, a high pay gap, women's low presence in the European companies' managing boards, job typologies that penalize women’s security and pension's schemes, are just few examples of open problems. Gender role's patterns that still assign women the almost exclusive responsibility in family care, expose them to a higher risk of poverty and require a stronger action in devising more effective life-work balance policies. Gender inequalities do not concern only the economic, political and social sphere but extend to civil rights as well. The first step to tackle these problems is to know them better and to better explore what has been already done and achieved. This Report is a small but hopefully useful contribution in this direction.

About the Authors:

Simon Duke is a Professor at the European Institute of Public Administration (EIPA), Maastricht, Netherlands.

Sonia Lucarelli is Associate Professor of International Relations of the University of Bologna and Director of Research of the Forum on the Problems of Peace and War in Florence.

Marta Martinelli is Senior Analyst at the Open Society European Policy Institute and Visiting Scholar at the Free University of Brussels (ULB).

Alessandra Viviani is Associate Professor of International Human Rights Law at the University of Siena and Vice Rector for International Relations at the same University.


 

The aim of this report is precisely to provide an overview of both EU gender policies and gender balance in EU institutions. This analysis is long due. As a matter of fact, although a huge amount of literature analyses the EU’s institutional framework and EU internal and external policies (e.g. Jørgensen et al 2007; Wallace et al 2010), scarce attention has been paid to its gender dimension. This task seems particularly urgent given the importance of the EU in setting standards of conduct in Europe and beyond.

 
Powered by www.ibsservice.it
FORUM per i problemi della pace e della guerra-Via Gianpaolo Orsini, 44 - 50126 Firenze (FI)- Tel. 055.6800165 - Fax 055.6581933
Cod. Fiscale 94013860484